Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Il giovane romano arriva da Civita Castellana

Il mercato del Vbc Synergy Mondovì si prepara agli ultimi “botti”. L’ultimo rinforzo in ordine di tempo arriva in posto 4: giocherà con la maglia biancoblù Alessio Ferrini, classe 1995, alto 1,97 metri, di Velletri. Conosce bene Mario Barbiero, suo compaesano, ma curiosamente non è mai stato allenato da lui. «Ho studiato nella scuola vicino alla sua, non l’ho avuto nemmeno come professore…» scherza Alessio, che ora sta per laurearsi in Scienze Motorie.

Sarà lui la terza banda per la stagione 2020-21: una chiamata che gli permette di tornare in Serie A2 a distanza di tre anni dall’esperienza con Ortona. «Quell’anno purtroppo eravamo in due gironi diversi, e non ho avuto l’occasione di venire a Mondovì. La chiamata è arrivata subito dopo l’emergenza Covid. Dico la verità: non me l’aspettavo. Sono stati due giorni di riflessione intensa, poi sono stato felicissimo di accettare perché Mondovì è una società storica della A2, tutti me ne hanno sempre parlato molto bene».

Dopo la stagione ad Ortona, Ferrini ha giocato in Serie B, con Folgore Massa, Sabaudia (poi promossa in A3) e Civita Castellana. «Siamo stati in testa dalla prima all’ultima giornata, poi il Covid ha bloccato tutto. Arrivo a Mondovì come giocatore inesperto della categoria ma con tanta voglia di crescere e apprendere dai più esperti. Sarà un’occasione di crescita personale e come giocatore, spero di poter dare una grande mano. Non vedo l’ora di conoscere i tifosi, mi hanno detto che sono sempre molto “caldi” e vicini alla squadra, sarà un piacere poter contare sul loro aiuto».

— Posted on 6 Luglio 2020 at 9:50 by