Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Il Centro diagnostico e fisioterapico di Alba al fianco dei monregalesi da tre anni

Per il terzo anno consecutivo, CIDIMU Alba si prende cura dei giocatori del Vbc Synergy Mondovì. Il centro diagnostico fisioterapico appartiene al gruppo attivo dal 1982, che oggi comprende otto diversi Istituti Medici in Piemonte, Liguria e Lombardia.

Dopo i test per le visite d’idoneità, sostenute a fine agosto, il centro seguirà i giocatori biancoblù in caso di necessità, se dovessero presentarsi infortuni nel corso della stagione, come successo l’anno scorso con Morelli o Treial. «Il nostro centro – spiega il coach di fisioterapia Roberto Corino – offre diagnostica di alta tecnologia, con risonanze magnetiche, tac ed ecografie, ed è specializzato nella riabilitazione dopo infortuni importanti, come quella che attualmente sto seguendo con il ciclista Domenico Pozzovivo».

Presso l’Istituto albese la riabilitazione ortopedico-sportiva è ispirata al concetto di riabilitazione globale. In ogni seduta non soltanto si cerca di riabilitare la funzione deficitaria del paziente, ad esempio un problema articolare o muscolare o tendineo, ma si cerca in contemporanea di stimolare altre aree a livello cerebrale, ad esempio quella visiva o quella uditiva, che vengono stimolate con tDCS (stimolazioni transcraniche) per accelerare i tempi di recupero in motorio e cognitivo. Il risultato è un percorso riabilitativo intenso ed efficace. L’Istituto può vantare un’importante convenzione con l’Istituto di Radiologia dell’Università di Pavia nell’ambito delle attività didattiche e di ricerca applicata nel settore degli ultrasuoni, nonché di collaborazione scientifica con numerose Società Scientifiche italiane e straniere.

Essere curati da un campione dello sport, poi, fa la differenza. Roberto Corino è stato (ha iniziato la carriera da direttore tecnico l’anno scorso, ma non è detto che in futuro non torni a fasciarsi i polsi) uno dei più grandi campioni di pallapugno del nuovo millennio. Campione d’Italia quattro volte, una volta campione del mondo e una d’Europa, ha vinto anche un balun d’or (il pallone d’oro dei giocatori di balon) ed è stato nominato miglior giocatore del Mondiale. Nella sua carriera ha incontrato altri campioni dello sport, dal velocista Justin Gatlin ad Alessandro Del Piero. Con lui non è una frase fatta, si è in buone mani davvero.

— Posted on 28 Settembre 2019 at 14:02 by