Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Lo storico laboratorio sartoriale di Niella Tanaro veste il nostro staff

Con grande piacere, il Vbc Mondovì continuerà a vestire “CavalloLab”. Lo storico laboratorio sartoriale di Niella Tanaro nei giorni scorsi ha “preso le misure” alle new entry del nostro staff, che porteranno in giro per l’Italia il nome di Mondovì con la classe e l’eleganza di un abito su misura realizzato appositamente per loro. Blue black, in lana stretch, con il simbolo Vbc ricamato sul davanti sinistro della giacca e sul polsino della camicia bianca a righe azzurre. Il titolare Lorenzo, monregalese “doc” da sempre vicino alla nostra società e tifoso dei nostri colori, ha accolto il vice allenatore Emanuele Negro ampiamente oltre l’orario di apertura, dopo una sessione di allenamento al PalaEllero. Matita e metro in mano, ha preso le misure interrogando il nostro “Lele” sul valore della squadra a disposizione di Fenoglio e promettendo la sua presenza in tribuna al PalaManera per l’ultimo allenamento congiunto prima dell’inizio del campionato.

Per la nostra società è davvero un piacere poter indossare gli abiti unici ed esclusivi realizzati su misura dal prestigioso laboratorio sartoriale niellese. Aperta oltre 40 anni fa, nel 1978, dai genitori di Lorenzo e Luca Cavallo, la Cavallo Confezioni ha prodotto capi di abbigliamento per i più importanti marchi della moda italiani e stranieri, da Gucci a Louis Vuitton, da Valentino a Brooksfield, arrivando ad avere oltre 80 dipendenti. L’azienda, poi, ha dovuto seguire l’evolversi del mercato dell’abbigliamento, sempre più votato al brand e alla parte commerciale, alla continua ricerca di manodopera a basso costo, penalizzando la qualità dei tessuti e soprattutto la qualità realizzativa.

Ma i titolari hanno saputo “trovare una via” per non disperdere la loro preziosa esperienza: ecco dunque il ritorno all’antico, al contatto diretto con il cliente, puntando a riproporre l’eccellenza italiana dei tessuti e dell’impareggiabile maestria dei suoi sarti e sarte. CavalloLab è così riuscito a portare il “su misura” ad una dimensione accettabile, con un giusto equilibrio nei prezzi, armonizzando le proposte dei tessuti (nel laboratorio sartoriale è possibile sceglierne uno tra ben 15.000 diversi) al fine di consentire ad un pubblico sempre più vasto di accedere a questo tipo di servizio. Si punta sulla personalizzazione e questo funziona: il cliente diventa lo stilista di sé stesso. Oggi l’azienda si avvale delle sarte che da 30 anni lavorano nello stabilimento, e pur essendosi aperta al mondo di internet e dei social, privilegia sempre il contatto umano: niente, per il cliente, è come sentire in mano il tessuto dell’abito che si indosserà. L’attività è in crescita, e si avvale già di collaboratori in Puglia e a Londra. L’obiettivo è espandersi in ogni Regione d’Italia e anche in Francia e Germania.

Potete trovare i capi di CavalloLab anche nello showroom di via Bogino a Torino. Abiti, giacche, pantaloni e camicie: tutto garantito e rigorosamente “made in Italy”, con la lana dalle migliori industrie biellesi e altri tagli di pregio. Un punto di riferimento unico per la sartoria da uomo.

— Posted on 27 Settembre 2019 at 10:35 by