Storia



2001 - 2002

dopo la promozione in B1 il Vbc Mondov ì, con il nuovo sponsor System Work, si rinforza con lo schiacciatore Ferrarotti, il centrale Friggieri ed jl rientro dell'alzatore Lorenzo Arioli dal prestito alla Kappa Torino di A2. Inserito in un girone di ferro estremamente equilibrato, il Vbc System Work disputa un campionato positivo, non sbagliando le gare contro le squadre alla propria portata e conquistando un brillante ottavo posto finale.

2000 - 2001

dopo la non certo esaltante annata appena conclusasi, in casa monregalese si decide per un profondo rinnovamento. In primo luogo cambia la guida tecnica, con il bulgaro Simeonov sostituito da Alberto Bonelli e Roberto Peyra. Confermato il prestito di Lorenzo Arioli al Torino in A2, Turco e Griseri rientrano al Villanova in serie C, Arnaud e Bovolo appendono le scarpe al chiodo, Bina passa al Dronero, Filippo Arioli e Tealdi vanno a rinforzare i cadetti del Vbc Iveco in D. Della 'vecchia guardia" restano Fia (nel nuovo ruolo di libero), Carle, Gregorio e Mantella, mentre Borgogno è inutilizzabile per l'intera stagione per i postumi di una pallonata in un occhio. Il colpo del mercato è senza dubbio l'ingaggio dell'opposto Riccardo Gaflia, leader in campo e fuori, mentre dal Savigliano arriva l'ala Pettiti, dal Busca il centrale Pasero e l'alzatore Cuniberti, dal Donatello Cuneo l'alzatore Pezzoli ed il centrale Migliore, dal vivaio i giovani Allena e Dardanello. Nella regular season i monregalesi chiudono al secondo posto alle spalle del Cus Genova (addirittura inanellano una serie di ben 14 vittorie consecutive!) e nei play-off regolano in due sole partite (3-1-e 3-2) i mantovani del Viadana, conquistando un'insperata promozione in B1 (alla vigilia non pochi prevedevano addirittura una possibile retrocessione in C).

1999 - 2000

ceduto in prestito Lorenzo Arioli alla Kappa Cus Torino e Dini a titolo definitivo alla Voluntas Asti di Venturini, ritiratisi Bonelli e Abrate, vengono presi Turco e Griseri dal Villanova, Bovolo dal Busca e Arnaud dalla Voluntas Asti. In ritardo di preparazione (l'organico è stato completato a 10 giorni dal via) il Vbc, con il nuovo marchio Fima, fatica per tutta l'annata, lottando costantemente per non retrocedere, ma alla fine riesce a centrare la salvezza.

1998 - 1999

rientrati Bonelli ed Abrate, preso Cavarero dal Villanova (non ci sono più Zangrossi e Comino) il Vbc gioca alla grande in casa, mentre risulta troppo fragile fuori. Alla fine la squadra, sempre a metá classifica, raggiunge l'ottavo posto.

1997 - 1998

ritornato in B2 dopo 3 anni di B1, il Vbc Mondovì si appresta ad un nuovo cambiamento tecnico. In panchina arriva il bulgaro Simeonov (ex giocatore della Nazionale ), in squadra rientrano Bonino, F. Arioli e Fia dal Villanova, mentre dal vivaio vengono promossi Gregorio e Tealdi. Riprende l'attivitá Zangrossi, mentre dal Pino Torinese arriva l'opposto Bina, tante volte avversario dei monregalesi. Al termine di una buona stagione il Vbc conquista il quinto posto finale, lottando a lungo per la promozione in B1 e riuscendo a piegare 3-1 l 'Alpitour Cuneo di Sasso, poi promosso, con il quarto set vinto addirittura 15-0.

1996 - 1997

nuova rivoluzione in casa monregalese dettata da esigenze varie poichè, vista l'assenza di uno sponsor principale, si deve ridimensionare l'attivitá . Santiili va a Gioia del Colle in B1 dove vince il campionato e la Coppa di Lega, Maffei a Brescia in A1, Mastrangelo al S. Antioco in A2, Bertini al Cus Torino ed Oria alla Voluntas Asti, Turco e Filippo Arioli al Bressano, Massimo Bonelli cessa l'attivitá . Al loro posto arrivano l'allenatore Taborda, l'alzatore Chiozzone, i centrali Lamberti dal Busca e Rossi, l'alzatore Lorenzo Arioli e l'ala Comino dalle giovanili. Prima di Natale Taborda si dimette, poi smettono Diano, Chiozzone e Rossi. Nonostante il non eccelso livello del campionato si retrocede con soli 6 punti, ma se i risultati non sono esaltanti i tanti giovani utilizzati maturano esperienze che in futuro si riveleranno molto utili.

1995 - 1996

grande rivoluzione in casa monregalese. Nuovo il tecnico (Santilli per Fernando), nuovi ben 9 atleti (Bertini, Mastrangelo, Maffei, Bovolo, Celardo, F. Arioli, Diano, M. Bonelli e Turco) restano solo 4 della 'Vecchia guardia" ossia Oria, Carle, Dini e Borgogno. Il Vbc giunge secondo nel proprio girone alle spalle del Cus Roma (k.o. per 3-1 a Mondovì davanti a più di 1000 spettatori e k.o. a Roma con lo stesso punteggio in una palestra piccola e gremita all'inverosimile, con un pullman di monregalesi presenti a tifare e gli altri incollati alla radio) e si qualifica ai play-off, vinti dal Cutrofiano Lecce. Il team di Santilli ctiiude al 34� posto in assoluto in Italia, al termine di una stagione comunque positiva e ricca di soddisfazioni.

1994 - 1995

nonostante i neo acquisti Oria e Bagna, il Vbc fatica oltre il lecito e, complice parecchia sfortuna e gli infortuni in serie industriale, retrocede nuovamente in B2, anche se in estate viene ripescato in terza serie nazionale.

1993 - 1994

con i giocatori dell'ultima stagione e con i rientri di Zangrossi e Zucco, il Vbc ottiene un'incredibile promozione. Dopo aver dominato l'andata (12 successi su 13 gare), nel ritomo il Vbc gestisce il vantaggio e, dopo dieci anni, può tornare a festeggiare una promozione, ottenuta matematicamente con una giornata di anticipo.

1992 - 1993

è l'anno più difficile per il Vbc, che per tutta l'annata gioca senza sponsor. Operato in estate manca in gennaio il presidentissimo Nino Manera; Femando Guglielmo si trova con una rosa molto giovane, ma centra il decimo posto finale che significa salvezza tranquilla.

1991 - 1992

nuovo allenatore (Fernando Guglielmo) e nuovo sponsor (Lacoter) per il Vbc del rilancio. I monregalesi chiudono quarti il loro primo anno in B2, dopo aver lottato fino al termine per la promozione.

1990 - 1991

senza sponsor e praticamente senza possibilitá di fare acquisti di qualitá (i tre nuovi sono semplici rincalzi per compleiare la rosa) il Vbc retrocede mestamente e a fine andata sostituisce il dimissionario Baranowicz con Carievaris. è un anno triste per i colori bianco-azzurri ma la dirigenza l'aveva preventivato sin dalla vigilia e prepara il riscatto.

1989 - 1990

il nuovo allenatore è Baranowicz, il sestetto tutto "fatto in casa" tranne Dadone. Dopo una buona andata chiusa al terzo posto, il Vbc Valeo cala nel ritomo, ma ottiene una tranquillissima salvezza.

1988 - 1989

il Vbc Valeo chiude al primo posto appaiato al Pencus Bologna, ma in A2 ci vanno gli emiliani per miglior quoziente set. A fine anno il Vbc Valeo deve privarsi di Oria, Rebaudengo e Di Francesco, mentre Garello e Arnaldi lasciano l'attivitá .

1987 - 1988

dopo quindici stagioni il Vbc Valeo ha cambiato allenatore: al posto del patriarca Mario Sasso c' è ora Ugo Di Francesco di Parma. Nel sestetto biancoverde ci sono Giorgio Oria e Piero Rebaudengo, mentre Ferrua è ceduto all'Alpitour contro cui si disputano due derby bellissimi e ormai leggendari. Al termine in A2 ci va la Polenghi Asti , con il Vbc Valeo secondo a soli due punti (k.o. 3-1 ad Asti nell'ultima giornata) e l'Alpitour terzo.

1986 - 1987

ceduti Halanda e Bellardone, ritiratisi Baranowicz, Zucca (momentaneamente) e la bandiera Carlevaris, il Vbc Valeo compie una rivoluzione. Lo straniero è lo slavo Trifunovich, in sestetto ci sono i giovani Alberto Bonelli (neppure ventenne) e Massimo Bovolo (appena diciassettenne), i biancoverdi non riescono ad ingranare e retrocedono in B, anche se la relegazione non è certo scandalosa.

1985 - 1986

il Vbc Valeo conferma Halanda e Baranowicz, mentre fra gli italiani spicca il nazionale juniores Ferrua. Il Palaitis di Mondovì è un campo tabù per tutti, mentre in trasferta i nostri sono ancora fragili. Il Vbc Valeo chiude con un ottimo sesto posto, raggiungendo il suo miglior risultato di sempre.

1984 - 1985

In A2 il Vbc Mondovì ha come sponsor la Valeo e ingaggia due stranieri: l'alzatore polacco Baranowicz e il centrale "ceco" Halanda. L'obiettivo salvezza viene raggiunto matematicamente all'ultima giornata.

1983 - 1984

Superata una grave crisi dirigenziale e dopo aver rischiato di non potersi iscrivere al campionato, il Vbc All Leasing inizia la stagione con la sola speranza di ottenere la salvezza. Raggiunta la poule promozione, il Vbc All Leasing esplode nella seconda fase del torneo, ottenendo una clamorosa, storica e inattesa promozione in A2 con un team "fatto in casa" e composto da soli giocatori monregalesi.

1982 - 1983

Il Vbc All Leasing Mondovì ingaggia il forte polacco Tyborowsky per tentare la scalata alla A2. Fallisce il successo di un soffio: nella poule promozione è secondo dietro al Gonzaga Milano solo per quoziente set, nello spareggio viene sconfitto per 3-2 dal Codyeco Santa Croce in un Palaitis gremito all'inverosimile. I monregalesi si aggiudicano la Coppa di Lega superando nella fase finale tre team neopromossi: Jesi, Arezzo e Mazzara del Vallo.

1981 - 1982

L'inizio è disastroso e si deve disputare la poule salvezza. Nella seconda parte della stagione il Vbc Warner si ritrova e vince la poule salvezza, classificandosi settimo assoluto.

1980 - 1981

Il Vbc, ora sponsorizzato Warner, punta ad un campionato di transizione e chiude al sesto posto una stagione tranquilla.

1979 - 1980

Il Vbc Moditalia manca l'aggancio alla serie A per un soffio, battuto nell'ultima giornata dal Cus Milano in trasferta nonostante il sostegno di moltissimi monregalesi (cinque pullman, più auto private). La posizione finale è la seconda.

1978 - 1979

All'esordio in B i monregalesi, ora con i colori dello sponsor Moditalia e con in sestetto il bulgaro Giorgio Tcholov, chiudono al terzo posto assoluto.

1977 - 1978

Arrivano Demichelis, Ciccoli e Marchisio, la maglia ha l'effigie del Moro. L'avversaria per la promozione è il Voltri, sconfitto in trasferta per 3-0. Promozione matematica con vittoria a Cuneo contro il Cedar di Salomone e Toselli, sconfitto e retrocesso.Punto finale di Terreno. Storica promozione in B, serie mai più abbandonata se non per un triennio in A2.

1976 - 1977

Arrivano Carlo Donati dal Cuneo, dove va per un anno Cicco Dutto. Classifica cortissima.
All'ultima giornata, se il VBC vince è secondo, se perde è retrocesso. Perde l'ultima ad Albisola.in estate ma, con la riforna dei campionati, viene ripescato.

1975 - 1976

Arrivano Sauro Nasi dal Cuneo, Terreno, ed esordisce Loris Ferrero. Al termine di una brillante stagione il Vbc vince il torneo di serie D e viene promosso in serie C con 3 turni di anticipo, con la vittoria per 3-0 ad Ivrea. Inaugurazione della palestra Itis alla fine del campionato.

1974 - 1975

Nasce il VBC, la squadra Juniores arriva per la prima volta alla finale regionale contro la Klippan. Al primo anno in serie D regionale il VBC ottiene un buon quinto posto finale.

1973 - 1974

La squadra, sponsorizzata dall'impresa Edile Bessone e Dho, vince il campionato di 2ª categoria. Aggiudicandosi successivamente gli spareggi regionali, raggiunge la serie D, compiendo in tal modo un doppio salto di categoria. Il nome della squadra era Polisportiva Monregalese. La prima fase fu vinta con il successo per 3-1 in trasferta a Cuneo il 20 aprile 74. La fase finale si giocò il 2 giugno a Bra, con vittorie per 3-0 su Novi Ligure e 3-1 sul Chieri. Punto finale di Trabucco. Formazione: Botto, Trabucco, Bessone, Carlevaris, Terreno, Sasso, Dutto, Blangetti, Plano, Viglietti, Andreis, Rivetti.

1972 - 1973

Il Vbc Mondovì partecipa al Campionato di 2ª Categoria provinciale, classificandosi al secondo posto.
Il campo da gioco era la Palestra del Collegio Vescovile a Piazza, prima palestra in assoluto dove ha giocato il VBC.



Ultimi articoli inseriti