Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

REGGIO EMILIA – VBC MONDOVÌ’= 1-3 (32-34, 25-22, 23-25, 19-25)

REGGIO EMILIA: Held 1, Iglesias 1, Sesto 7, Arienti 2, Bortolozzo 10, Bellini 16, Bonante , Ferrari, Ippolito 5, Cester , Morgese (L), Koraimann 36. ALL: Held.

VBC MONDOVÌ’: Cortellazzi (K) 1, Paoletti 23, Borgogno 17, Mercorio 10, Parusso 8, Picco 11, Prandi (L), Menardo, Cattaneo, Bosio, Maccabruni, Sordella,. ALL: Barisciani.

Doveva essere battaglia, lo è stata fino in fondo. Alla fine il VBC Mondovì è meritatamente uscito vittorioso dallo scontro diretto di Reggio Emilia, intascando bottino pieno. Finisce 3-1 per gli uomini di Mauro Barisciani la partita del Pala Bigi: dopo aver vinto ai vantaggi un primo parziale interminabile annullando agli emiliani sette palle set, Cortellazzi e compagni hanno costruito la loro vittoria con la testa, oltreché la tecnica. Per due set e mezzo la spina nel fianco ha avuto il nome di Lorenz Koraimann: l’opposto austriaco sembrava indomabile, ma con il dipanarsi del match si è spento ed i monregalesi ne hanno approfittato infliggendo il colpo del ko. Squadre similari nella percentuale in attacco (52%), determinanti sono stati i tantissimi errori degli emiliani, soprattutto al servizio: ben 20 i punti regalati dalla Conad a fronte di due soli aces. Ottima performance per Luca Borgogno, con 17 punti in attacco su 25 (68%), così come concretissimo è risultato Matteo Paoletti.
Siamo stati bravi e forse stavolta anche un pizzico fortunati – commenta a fine partita coach Barisciani-, ma fa pari con precedenti situazioni. Bravissimo Koreimann, poi quando è calato siamo riusciti a far bene alcune cose che avevamo preparato e la partita si è incanalata per il verso giusto. Ottima la ricezione così come l’attacco, anche se in certi frangenti avremmo potuto far meglio. A quattro giornate dalla fine, più che il bel gioco contano i risultati. Abbiamo iniziato quattro turni fa distanziati di 3 punti da Reggio Emilia e Potenza Picena ed ora siamo a +1 sulla Conad e -1 dai marchigiani: otto punti su 12 disponibili”.
Con i tre punti conquistati sul campo di Reggio Emilia il VBC Mondovì sale a 11 punti in classifica e distanzia di una lunghezza la stessa Conad tallonando Potenza Picena a quota 12. Ed i marchigiani della Golden Plast saranno i prossimi avversari di Cortellazzi e compagni nel prossimo turno, prima giornata del girone di ritorno che si giocherà sabato 3 marzo alle 20.30 all’Eurosuole Forum di Civitanova Marche. Un altro big match, in questo finale di stagione davvero entusiasmante per i monregalesi.
Nel set d’apertura il primo break dell’incontro è per Reggio Emilia con Bellini che, prima mette in difficoltà la ricezione monregalese, poi schiaccia in campo avversario un’imprendibile pipe. Parità ristabilita a 5 grazie all’errore di Ippolito, che poi si prende il muro di Paoletti per il primo vantaggio biancoblu (5-6). Ippolito, molto falloso in avvio di match, regala il +2 ai monregalesi schiacciando fuori un attacco in parallela (7-9), vantaggio incrementato dal muro di Picco su Bortolozzo: 11-14 e primo time out di Held. La ricezione lunga di Prandi costringe Cortellazzi al fallo d’invasione, la Conad si riprende un break (13-14), ma Picco torna a farsi sentire prepotentemente a muro stoppando Sesto per il nuovo +3 bianco – blu (13-16). Il muro contiene, Paoletti mette a terra il punto del 14-18 ed arriva l’ultimo time out reggiano. La Conad trova un ace fortunoso sul net da parte del neo entrato Arienti (17-19), poi gli emiliani si portano ad una sola lunghezza (22-23) grazie al muro di Koraimann a fermare Paoletti. Ancora Koraimann a trovare la parità (23-23), l’austriaco è inarrestabile e porta Reggio Emilia al set point: 24-23, time out per Barisciani. Mondovì annulla sette tentativi dei padroni di casa di far loro il set, ribalta la situazione su errore di Ippolito e chiude positivamente 34-32 su ennesima incertezza avversaria, stavolta di Koraimann.
Ancora Reggio Emilia avanti in avvio di secondo set: 4-2, errore in attacco per Mercorio e Reggio incrementa il vantaggio con la pipe vincente di Bellini per il 6-3. Lo schiacciatore reggiano incappa subito dopo nel muro di Picco, Mondovì accorcia le distanze (7-6), ma Bellini fa e disfa e si riprende il punto del +3 (10-7). Koraimann infierisce anche da posto due, Bortolozzo dal centro e sul 13-8 Barisciani interrompe il gioco. Due errori reggiani, Koraimann in attacc – o, invasione per Bortolozzo, Mondovì è a -2 (14-12), poi Mercorio trova l’ace e sul 15-14 arriva il time out di Held. La Conad si riorganizza, va a segno dai nove metri con Bortolozzo (17-14): un vantaggio che i locali mantengono fino alla conclusione del set (25-22).
Il solito Koraimann, inarrestabile, porta Reggio Emilia avanti 6-3 nel terzo parziale, Borgogno accorcia le distanze per Mondovì (6-5) e la parità arriva a quota 10 grazie al muro a uno di Mercorio sull’austriaco. Primo vantaggio del set per il VBC propiziato dall’attacco vincente dalla seconda linea di Paoletti (12-13), arriva una lunga serie di cambi palla, poi è il muro di Picco su Ippolito a firmare il break piemontese: 20-22, time out per coach Held. Mondovì arriva al set ball e al primo tentativo è Paoletti a chiudere 25-23.
Parte forte Reggio Emilia nel quarto, pipe di Bellini ed è subito 2-0. Il muro di Sesto su Mercorio vale il 4-1, ma lo schiacciatore casertano si riscatta grazie ad una battuta efficace che, prima costringe Bellini all’errore, poi propizia l’attacco di Paoletti il quale rimette le squadre in parità sul 5-5. Vantaggio monregalese sul primo tempo vincente di Picco, che costringe Held ad interrompere il gioco sul punteggio di 6-7. Un gran difesa di Prandi permette a Borgogno di guadagnare il break (11-13), poi arriva il muro di Picco su Bellini che sancisce il punto del 13-16. Held ferma il gioco, ma è ancora il VBC ad andare a punto, stavolta con Paoletti e Parusso: sul 15-20 il coach reggiano cambia Ippolito con Tim Held. Koraimann, spentosi in questo quarto set, si rianima e dalla seconda linea regala il break a Reggio che approfitta anche dell’invasione di Parusso per portarsi a -2 (18-20). Mondovì riordina le idee e con Paoletti e Borgogno arriva al match ball sul 19-24, chiude Paoletti al primo colpo.

— Posted on 1 Marzo 2018 at 11:03 by