Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Trasferta amara per i monregalesi, da martedì comincia l’era di Mario Barbiero

Torna a mani vuote dalla Basilicata il Vbc Synergy Mondovì, che esce sconfitto 3-0 dal PalaAlberti di Lauria contro la Rinascita Lagonegro. La squadra, ancora ferma a quota 1 punto dopo sei partite giocate, non si è mai nascosta dietro agli alibi, ma questa sera le attenuanti non mancano. Un virus influenzale ha messo fuori gioco il libero Filippo Pochini, che non ha potuto prendere parte alla trasferta: al suo posto ha giocato Marco Garelli. I due nuovi centrali, Davide Esposito e Martins Arasomwan, sono subito scesi in campo con la loro nuova maglia, senza risparmiarsi, ma inevitabilmente la loro intesa coi compagni non può già essere al top dopo appena un paio di allenamenti insieme. Infine la mancanza di un opposto titolare di ruolo, che ha costretto coach Emanuele Negro a schierare Gianluca Loglisci in posto 2. Il numero 4 biancoblù ha dovuto anche fare i conti con una piccola contrattura al polpaccio, risultando comunque il migliore dei suoi con 10 punti messi a referto.

La squadra allenata da coach Falabella ha fatto meglio in tutti i fondamentali, soprattutto a muro e in battuta dove, pur sbagliando molto, ha messo a segno 5 aces e causato non poche difficoltà al primo tocco monregalese.

LE PAROLE A FINE GARA. «Tre settimane di allenamenti ad organico ridotto si sono fatte sentire – il commento del team manager Andrea Fia -, a tratti ho visto la squadra un po’ stanca, anche per via della lunga trasferta, senza dubbio la più complicata dell’anno dal punto di vista logistico. L’ambiente del palazzetto, poi, era molto caldo e in certi frangenti i ragazzi non hanno avuto la necessaria tranquillità. Ci è mancato un po’ di ordine a muro, aspetto che non ha aiutato la difesa, ma è normale che i due nuovi centri debbano migliorare il loro affiatamento con i compagni: li ho visti comunque molto carichi. Gli avversari hanno giocato molto bene, difendendo a volte l’impossibile. Noi, invece, non siamo riusciti a sfruttare le palle gratis. Peccato, ma non facciamo drammi: da martedì si ricomincia, aspettiamo novità sull’opposto nei prossimi giorni, in un certo senso il nostro campionato inizia ora».

LA PARTITA. Falabella preferisce Corrado a Fantauzzo e lo schiacciatore sfrutta l’occasione concessagli. Primo set: l’ex Cuneo Mazzone sigla l’ace del 10-8 su Borgogno, e Negro accende il pulsante del timeout quando il tabellone segna 14-11. Lagonegro tiene i monregalesi a distanza di sicurezza (15-12, 22-18) e arriva al set ball grazie all’opposto Tiurin (già bestia nera del Vbc l’anno scorso con Macerata), mentre entrano in battuta Vecellio tra i padroni di casa e Milano per i monregalesi. Spadavecchia chiude la prima frazione sul 25-20.

Il Vbc sembra accusare il colpo: il secondo parziale inizia come peggio non potrebbe e sul 5-1 Negro spende il primo timeout. Il divario non diminuisce (7-2, 9-4), poi pian piano i monregalesi si avvicinano, fino all’11-9 firmato da Esposito, su cui Falabella decide di fermare il gioco. La Rinascita riparte, sfruttando due errori di Borgogno: Corrado firma in parallela il 15-10 e si arriva fino al 19-13. Dentro Milano in battuta, il Vbc non demorde e torna a farsi vedere negli specchietti. Terpin sigla l’ace del 22-20, Tiurin riconquista il servizio ma Borgogno riavvicina i monregalesi (suo il punto del 23-22). Entra anche Fantauzzo in servizio, poi un muro di Robbiati vale il 2-0.

Il terzo set è il più equilibrato: le squadre lottano punto a punto fino alle fasi finali. Lagonegro trova un mini-break sul 17-16, ma il Vbc impatta a 19. Arasomwan firma dal centro il punto del 21-20, ma la volata è tutta dei lucani, complici due errori in attacco di Terpin e un’invasione millimetrica di Pistolesi. Finisce 25-20.

DOMENICA ALTRA TRASFERTA. Dopo la giornata di riposo concessa lunedì, la squadra tornerà al lavoro martedì mattina alla Palestra O2 in via Tanaro a Mondovì. A seguire i giocatori ci sarà mister Mario Barbiero, che comincerà ufficialmente la sua avventura sulla panchina del Vbc Synergy Mondovì. Al pomeriggio seduta a Roccaforte, come tutta la giornata di mercoledì. Giovedì mattina libero, al pomeriggio allenamento con la palla ancora a Roccaforte. Venerdì mattina seduta pesi alla O2 e allenamento pomeridiano al PalaManera. Sabato la partenza per la Puglia, domenica mattina la rifinitura al PalaGrotte. Fischio d’inizio dell’ottava giornata contro la Materdomini alle 18.

 

Geovertical Geosat Lagonegro-Vbc Synergy Mondovì 3-0

(25-20, 25-22, 25-20)

GEOVERTICAL GEOSAT: Zoppellari 2, Tiurin 23; Spadavecchia 8, Robbiati 7; Corrado 9, Mazzone 10; Condorelli (L), Vecellio, Santucci (L), Fantauzzo, Maccarone 1. N.e.: Ramberti, Ribezzo, Ladaga. All. Falabella.

SYNERGY: Pistolesi 2, Loglisci 10; Esposito 3, Arasomwan 3; Borgogno 9, Terpin 8; Garelli (L), Milano. N.e.: Buzzi, Ristani. All. Negro.

ARBITRI: Di Bari-Vecchione.

VBC SYNERGY MONDOVÌ: muri 2, attacco 42%, ricezione 39% (prf. 27%), ace 1, battute sbagliate 7.

— Posted on 1 Dicembre 2019 at 22:51 by